Prestiti cattivi pagatori Cancellazione elenco Crif cattivi pagatori

I cattivi pagatori, (coloro che non hanno ripagato un prestito) spesso e volentieri, vengono puniti a causa delle loro inadempienze creditizie ma fortunatamente, per coloro che necessitano di liquidità, risulta essere possibile trovare una via alternativa che risulta essere assai piacevole da percorrere.

Ecco quale.

Prestiti cattivi pagatori ed il credito

I finanziamenti per pagatori inadempienti potrebbe essere un vero e proprio miraggio.

Questo per il semplice fatto che, quando si rientra in questa categoria, ottenere un credito risulta essere praticamente impossibile visto che si finisce nell'elenco Crif, ovvero un registro dove vi sono tutti i dati relativi al comportamento di chi ha richiesto un credito ad un ente finanziario.

Riuscire ad ottenere un finanziamento, quando si viene etichettati come cattivi pagatori, sembra quasi impossibile ma, fortunatamente, esistono nei sistemi che risultano essere ottimi per poter evitare di andare incontro a questa particolare tipologia di conseguenza negativa.

La cessione del quinto: soluzione ideale per cattivi pagatori

Non bisogna demoralizzarsi quando si diventa cattivi pagatori anche a causa della mancata restituzione del prestito di una rata del precedente finanziamento, anche se questa è avvenuta con un ritardo.

Bisogna invece essere in grado di optare per dei percorsi alternativi che saranno in grado di offrire il massimo livello di soddisfazione ad una persona, che potrà essere in grado di sfruttare al massimo il prestito conosciuto come cessione del quinto.

Esso potrà venire sfruttato in maniera molto semplice e senza che vi possano essere complicazioni di ogni genere. Bisogna mettere in risalto come, questo prestito per debitori inadempienti, viene richiesto dall'azienda stessa e dal datore di lavoro: sarà lui ad anticipare il denaro per nome del dipendente, il quale potrà vedersi accettato il preventivo del finanziamento.

Sarà possibile notare come, coloro che sono iscritti nel Crif, non avranno alcuna difficoltà sia nella richiesta del credito che nella restituzione dello stesso.

Da mettere in risalto il fatto che, grazie a questo particolare finanziamento, sarà possibile poter far fronte alle proprie spese senza che vi possano essere delle conseguenze negative, visto che la liquidità viene erogata in lassi di tempo immediati.

La restituzione avviene mediante prelievo sullo stipendio del richiedente, il quale non dovrà effettuare il pagamento dei bollettini o procedere manualmente alla restituzione dello stesso prestito.

Questa combinazione renderà maggiormente rilassata una persona, che potrà evitare una vasta serie di conseguenze poco piacevoli e rischiare di rimanere permanentemente iscritta nel Crif con la dicitura cattivo pagatore.

La cancellazione elenco Crif cattivi pagatori

La cancellazione dall'elenco Crif, per i cattivi pagatori, avverrà in maniera automatica dopo un certo lasso di tempo in base alla situazione nella quale si ritrova il creditore stesso.

Bisogna quindi parlare del fatto che, se la rata del finanziamento non pagata è una oppure un massimo di due, la cancellazione avviene dopo un anno rispetto l'ultimo ritardo nel pagamento.

Questo sarà possibile ovviamente se, i debitori cattivi pagatori, effettuano puntualmente il versamento delle restanti rate dovute che caratterizzano il proprio debito con l'ente finanziario.

Sarà invece il doppio dei mesi se, i ritardi, risultano essere tre o quattro: anche in questo caso le rate successive dovranno essere corrisposte in maniera puntuale, senza alcun tipo di problema.

Trentasei mesi, ovvero tre anni, se il debito rimane insoluto: in questo caso, per essere cancellati dal Crif, i debitori devono semplicemente effettuare il versamento della restante parte del prestito richiesto all'ente finanziario stesso.

La cancellazione automatica dal Crif potrebbe quindi richiedere parecchio tempo: proprio per questo motivo sarà possibile affidarsi a particolari istituti che offrono la possibilità di poter essere cancellati dal Crif senza che vi possano essere delle complicazioni di ogni genere.

Da aggiungere che, procedendo con questa soluzione, sarà possibile poter riuscire ad evitare di essere nuovamente inseriti nella lista dei debitori inadempienti.

E per poter evitare la registrazione stessa, basterà richiedere un prestito tra privati, che non vede protagonista enti finanziari di ogni tipo, con tanto di registrazione al Crif completamente assente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *