Le spese da sostenere per comprare una casa in Italia

Acquistare una casa, non è cosa semplice in Italia. C'è bisogno quasi sempre, a meno che non si voglia fare da soli (fino ad un certo punto), del supporto di uno o più professionisti. Ci sarà il mediatore, l'agenzia che ha in carico di vendere l'appartamento per conto del proprietario, ed il notaio che redigerà l'atto di proprietà. La percentuale di spesa per l'agenzia è di circa il 2-3% del valore dell' immobile, per un compromesso ed un rogito un notaio non si prende meno di 2000-3000 euro (oppure anche in questo caso il 2 o 3 % del valore della casa). Ci sono poi le tasse da pagare. Variano a seconda se si tratta di prima abitazione oppure seconda o terza.

A questo aggiungiamo le spese per il trasloco , in questo caso per risparmiare potete usare questo servizio di comparazione: http://www.traslochinazionali.net/, e quelle per eventuali ristrutturazione. Insomma, vogliamo farvi capire che i soli soldi spesi per l'immobile non bastano da soli, ci sono una serie di costi detti "accessori" che vanno a completare la compravendita.
Quanto si spende di tasse per acquistare una casa.

Se si tratta delle vostra prima casa, se non avete altri immobili intestati: si paga quella che è definita "imposta di registro", pari al 2% del valore catastale dell' immobile con un minimo di 1.000 €, mentre le tasse ipotecarie e catastali sono pari a 50 euro ciascuna.
Se acquistate direttamente dall'impresa che ha realizzato l'immobile dovete pagare l’IVA al posto dell’imposta di registro. Anche in questo caso sono previste agevolazioni per l’acquisto prima casa: l’IVA è agevolata al 4% e le imposte catastali ed ipotecarie sono pari a 200 euro ciascuna. L'atto viene poi registrato presso l'agenzia del territorio.

Se invece state acquistando una seconda casa, oppure terza o quarta le spese di registrazione, le tasse, sono molto più alte. Si paga il 9% del valore catastale a cui vanno sommate l’imposta catastale pari a 50€/cad (totale 100,00 euro). Complessivamente quindi, il 9% del valore catastale + 100 euro.

Cos'è il valore catastale
si tratta di un valore dell' immobile che è reperibile richiedendo una visura catastale all’ufficio dell’Agenzia del Territorio oppure attraverso il servizio telematico dell’Agenzia delle Entrate. Per effettuare la procedura via internet è sufficiente indicare: il proprio codice fiscale, gli identificativi o dati catastali (Comune, sezione, foglio, particella) e la provincia di ubicazione di un qualsiasi immobile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *